E se non puoi mangiare nulla di dolce?

Una ragazza che mi segue su Instagram mi ha lanciato una sfida!

Mi scrive che ha la Candida e che per un certo periodo dovrà eliminare lo zucchero e gli edulcoranti.

Banditi anche latticini, lievitati, caffè, salumi, uova, marmellate…e mi chiede disperatamente una ricetta per la colazione.

La situazione non è facile ma ci deve essere una soluzione e io la voglio trovare!

Ho colto la sfida e mi sono subito messa all’opera, pensa pensa pensa…ho studiato per lei qualche ricetta e ho pensato di riportarla anche sul mio blog perché forse potrebbe interessare anche ad altri.

Per prima cosa ho pensato alla frutta, consentiti solo gli agrumi.

Allora perché non tagliare fette di pompelmo o arancio e cospargerle di semi di girasole, canapa, noci tritate?

Sono veloci da preparare  e nutrienti.

Un’altra ricetta rapidissima sono le palline di nocciole, mandorle o pistacchi.

Basta mescolare la farina di mandorle o nocciole insieme al succo di un arancio filtrato fino a che il composto non risulti modellabile e ci consenta di creare delle palline.

Una volta che avremo formato le palline le potremo mettere a riposare nel frigorifero o mangiarle subito.

Niente latticini ma possiamo usare il latte vegetale.

La sera possiamo versare in una coppetta un po’ di latte di mandorla e aggiungere un cucchiaio di

mescolando continuamente in modo che non si formino grumi e mettiamo a riposare nel frigorifero.

Il mattino successivo i semi di chia si saranno gonfiati ed avranno assunto una consistenza gelatinosa, per questo favoriscono l’aumento del senso di sazietà. Sono ricchi di calcio e regolano i livelli di zuccheri nel sangue.

Alla nostra coppetta di chia possiamo aggiungere avena e frutta secca tritata con qualche pezzetto di arancia.

Poi penso ai pancake e alla possibilità di usare la farina di ceci.

In Toscana si chiamano cecine, sono molto nutrienti e veloci da fare.

Anche in questo caso possiamo prepararci l’impasto la sera prima.

Come si fanno?

INGREDIENTI

200ml di acqua

100g di farina di ceci

un pizzico di sale e un cucchiaio d’olio extravergine d’oliva.

PARTIAMO

In una ciotola mettiamo l’acqua e aggiungiamo a pioggia la farina di ceci, mescolando continuamente per evitare che si formino grumi.

Copriamo con un foglio di pellicola trasparente e lasciamo riposare la notte.

Il mattino seguente leviamo la pellicola, aggiungiamo il sale e l’olio, scaldiamo un padellino con un goccino d’olio e versiamo un mestolo di composto e cuociamo.

Lo stesso procedimento lo possiamo fare con la farina di castagne.

E poi le uova sono vietate ma l’albume no…cosa c’è più proteico dell’albume?

Certo dovrebbe essere bevuto crudo ma chi ci riesce? Io no di sicuro!

Dopo i miei allenamenti di corsa spesso mi preparo gli albumi strapazzati in padella e perché non aggiungere dei semi?

Questa mattina però ho voluto prima montarli a neve e poi ne ho disposto qualche cucchiaiata su una teglia ricoperta di cartaforno e ho cotto queste nuvolette dieci minuti in forno a 160°C.

Il risultato è morbido e croccante e si possono farcire con la frutta!

Ed ecco pronta un’altra ricetta!

Poi perché non provare una tortina di riso?

Ho cotto il riso superando un po’ i tempi di cottura, ho scolato e l’ho fatto raffreddare, poi ho aggiunto nocciole, noci tritate e scorzette di buccia d’arancio e ho decorato con pezzetti di spicchi di arancio e una noce.

Ma non mi sono fermata qui!

Avevo in casa delle mandorle, così ho pensato di frullarle con un cucchiaio di olio di cocco e ho preparato una cremina con cui ho farcito il pancake di farina di ceci.

Posso dire di ritenermi soddisfatta del risultato, che dite secondo voi ho vinto la sfida?

Spero con queste mie ricette molto semplici di essere stata d’aiuto a più persone.

Se ti è piaciuto questo articolo condividilo e mi aiuterai a diffondere soluzioni più sane e nutrienti per la colazione di grandi e piccini.

E-book Ricette

Dieci ricette per iniziare un percorso consapevole per la nostra salute e quella dei nostri figli.

 

SCARICALO GRATIS

Lascia un Commento

avatar
  Resta aggiornato  
Notificami risposte